Città di Partenope

"Partenope": la città virtuale abitata da persone reali. Cittadini che si sono impegnati ad attenersi al codice etico partenopeo, un semplice decalogo del vivere civile. Un modo per riconquistare l'identità perduta.
Città di Partenope
Città di Partenope
Napoli è silenzio,
Estensione,
Dispersione caotica.
Napoli ammonisce,
ti aspetta sulla soglia
e ti restituisce le energie.
Non fa sfuggire al dolore,
Ti ci fa attraversare dentro
E te lo fa superare con il sorriso della gente.
Napoli ti insegna a saper camminare da solo,
E in mezzo agli altri.
Napoli è bellezza mistica,
Ma è anche povertà, miseria sconcertante.
È la dimensione delle cose e delle felicità semplici,
perché non conosce quelle complesse.
Napoli la perdo e la ritrovo tutti i giorni, perché Napoli ha la risposta, sempre.
Città di Partenope
Città di Partenope
Oltre duemila e settecento anni di storia in una lettura di 30 secondi.

In una data compresa tra il 740 ed il 720 a. C. , viene fondata Parthenope dal ceppo greco dei Calcidesi dell'isola dell'Eubea, gli stessi che avevano già colonizzato Pithecusa (ischia) e fondato Cuma. L'insediamento di Parthenope sarà subito sotto una forte influenza cumana, e si svilupperà dall'isolotto di Megàride (oggi Castel dell'Ovo ed in epoca greca unita alla terraferma da una sottile striscia di roccia) fino al promontorio di Monte Echia (oggi Pizzofalcone). Successivamente, nel 470, Cumani, Siracusani ed anche un nucleo di Ateniesi - vinta ogni influenza dei rivali Etruschi - decideranno di fondare una più grande città per il controllo del Golfo e dei traffici commerciali: prenderà il nome di Neapolis (Città Nuova) e di conseguenza Parthenope assumerà il nome di Palepolis (Città Vecchia). Nel I secolo d. C. Palepolis perderà del tutto l'aspetto di insediamento urbano e la collina di Pizzofalcone, insieme all'isolotto di Megàride, si trasformerà in una sola immensa villa: quella del patrizio romano Lucullo.

[grazie a Antonio Giardullo da #napoliretrò]

E tu la conoscevi la storia di Napoli?
Città di Partenope
Città di Partenope
Un minore denunciato o arrestato ogni 36 ore, con età che vanno dai 14 ai 18 anni. 365 le armi sequestrate negli ultimi 5 mesi. Pugnali, katane, mazze da baseball, bombe, kalashnikov, pistole artigianali, fucili da cecchino. L’elenco dei Carabinieri non finisce qui perché di armi ce ne sono tante altre. La microcriminalità a Napoli esiste, ed è un problema che non dovrebbe riguardare solo le forze dell'ordine. Ci sono situazioni di insicurezza, di solitudine sempre più preoccupanti, dovute alle baby gang o ai "vuoti" lasciati dalla caduta dei vertici dei clan. È fondamentale che scuola, istituzioni, associazioni facciano sempre più rete affinchè i nostri ragazzi non scelgano strade sbagliate, e affinchè si possa vivere la nostra città in modo più sicuro e sereno.

❓️Cosa fareste per migliorare il sistema di controllo e prevenzione?

#babygang #criminalitàorganizzata #napoli
Città di Partenope
Città di Partenope ha aggiornato il suo stato.
In questi casi, generalmente significa che il proprietario ha condiviso il contenuto solo con un gruppo ristretto di persone, ha modificato chi può vederlo oppure lo ha eliminato.
Città di Partenope
Città di Partenope
Il COMUNE FIRMA IL
PROTOCOLLO CON IL CONI!

Alla presenza di campioni sportivi e ambasciatori dello sport, il giorno 25 Maggio è stato firmato il Protocollo d’Intesa per favorire la crescita sociale e la massima diffusione della pratica sportiva tra i cittadini in regime di pari opportunità. Annunciata anche la candidatura per Napoli a capitale europea dello sport 2026.
Le parole del Sindaco Manfredi :”valorizzare l’impiantistica sportiva , rendere lo sport mezzo di inclusione sociale “.
Resta comunque l’annosa questione dei costi di gestione degli impianti , delle tante palestre scolastiche che potrebbero essere affidate alle ASD.
Se la città fosse scelta per ospitare la capitale europea dello sport arriverebbero altri fondi, da impiegare meglio rispetto alle Universiadi 2019 che nonostante l’ingente investimento e la nascita della società ARU non ha prodotto significativi cambiamenti agli impianti e al movimento sportivo generale.
Città di Partenope
Città di Partenope
Napoli farà il Giro D’Italia!

Il Giorno 14 Maggio dopo aver attraversato Pozzuoli, Quarto, Giugliano, Bacoli e Monte di Procida per una tappa che è stata promossa dalla Città Metropolitana di Napoli per rendere omaggio a Procida 2022 - Capitale Italiana della Cultura e valorizzare, anche grazie al suo traino, tutta l’area metropolitana e quella flegrea in particolare la maglia rosa sarà all’ombra del Vesuvio !
È previsto anche un villaggio con diverse attività sempre sul lungomare Caracciolo.
La Carovana del 105° Giro d'Italia è composta da 55 mezzi tra Sponsor, Organizzazione, Onlus, Città di tappa e Scorta tecnica e 110 persone di staff.
In una città che con la precedente amministrazione grazie ai fondi europei aveva visto nascere le piste ciclabili, purtroppo ancora poco utilizzate.
L’evento sportivo avrà rilevanza mondiale ed offrirà l’ennesima vetrina alla nostra amata città.
Nell’era della mobilità sostenibile, delle bici elettriche e della transizione ecologica i partenopei calciofili di indole, si lasceranno affascinare dalle vecchie due ruote !